Categorizzazione:

Poesia

Scritto

Funzioni:

Un verde aggrappato alle ciglia

Autore: Assunta Spedicato

Un verde aggrappato alle ciglia

 

Nelle mie stanze all’ultimo piano

del palazzo lasciato in piedi

l’acqua scorre diretta dal cielo

attraverso la bocca aperta sul tetto

e giù per la gola infiammata da schegge.

L’acqua scende coi suoi medicamenti

rinfresca rovine, disseta la polvere

come infermiera corre a dare sollievo

alle notti insonni e alle orecchie ferite

e nelle pause regala un fraseggio

con frequenze in caduta in recipienti di fortuna

mentre un flusso allargato a ridare coraggio

sveglia ricordi e semi perduti

che nelle crepe hanno già messo radici.

 

Il nemico non sa delle mie fioriture

del verde aggrappato alle ciglia.

Nelle notti di luna piena

quando ulula al cielo e la luce

cade a sbranare la vista, egli non sa

dell’acqua invocata in preghiera

non sa la capienza

della diga umana che raccoglie ogni forza.

Ma quando il cielo si fa scuro

e la pioggia forma uno scudo

con l’artiglio piantato nel fango

il soldato saprà

se ad armare la mano fu odio o paura

o piuttosto il volere di un nemico più grande.

Descrizione dell'Opera: La paura spesso acceca, in un modo che impedisce il controllo delle proprie emozioni, arrivando così a nuocere a se stessi e alle persone vicine. Talvolta, eventi violenti come la guerra, possono allontanare l'uomo dalla sua umanità e farlo regredire. Sarebbe questo un pericolo da evitare, sempre e comunque, magari facendo appello alla speranza, riparandosi nella preghiera o nei sogni, e comunque provando a raccogliere dentro e intorno a sé tutta la forza possibile, che magari non si sapeva nemmeno di avere. La consapevolezza di sé e la capacità di leggere gli eventi, passati e presenti, sono anche questi elementi utili per capire come proteggere se stessi e le persone care.